Calciomercato in Italia

Calciomercato in Italia

Se la nostra Nazionale sta attraversando certamente un periodo buio ecco una constatazione che rischia di far crollare anche la Serie A come campionato “fanalino di coda” in Europa.

In Italia non acquistiamo più top player. I nostri club non sono in grado di fare concorrenza con gli altri club europei disposti a qualsiasi investimento per restare competitivi.

Siamo costretti a giocare a FIFA per poter vedere giocatori come Mbappe, Neymar, Messi e Cristiano Ronaldo giocare in una squadra italiana.

Le voci che volevano vedere una concorrenza “italiana” su giocatori come Pastore, Sturridge, Deulofeu, Reus e Emre Can sono rimaste solo ed esclusivamente buoni propositi e decisamente poco concreti.

Il calciomercato invernale in Italia ha visto un minimo storico di 25 milioni complessivamente sborsati…

Nessuno in Europa ha speso così poco:

  • Premier League 450 milioni di euro
  • Liga 270 milioni di euro
  • Bundesliga 73 milioni di euro
  • Ligue 57 milioni di euro

Per darvi un’altro riferimento si candida regina del mercato italiano il Sassuolo, con Lemos (8 milioni) e Lirola (7 milioni). Questi i due acquisti più cari della Serie A, contro quelli di Coutinho (120 milioni), Van Dijk (79 milioni), Diego Costa (66 milioni), Laporte (65 milioni).

L’Italia non è più attraente nemmeno per giocatori ancora fortissimi ma un po’ in là con l’età. Mi ricordo di giocatori come Ronaldo, Beckham, Ronaldinho fare tappa in una società come il Milan. Ora le scelte di Ibrahimovic & Co sembrano essere verso i milioni della MLS, del petrolio e della Cina.

[zombify_post]

By | 2018-07-09T15:12:05+00:00 febbraio 5th, 2018|Calciomercato|1 Comment

About the Author:

Rendiamo il calcio ancora più bello. Seguici anche su Instagram: https://www.instagram.com/goolbook_official/

One Comment

  1. […] Il campionato ripartirà il 19 gennaio. Il 18 gennaio sarà quindi l'ultimo giorno utile per un mercato di riparazione. (Qui i drammatici numeri nella sessione invernale di questa stagione). […]

Leave A Comment