Saul Niguez contro tutto e tutti

Uno contro tutti

I calciatori giocano con le palle, Saul Niguez è un giocatore con le palle.

É passato più volte attraverso l’inferno ma ne è sempre uscito.

Da ragazzino a 12 anni lascia il Real Madrid per spiacevoli episodi di bullismo, gli sottraevano oggetti personali, subiva ingiuste punizioni per episodi che non aveva commesso.

Lascia il Real Madrid per andare all’Atletico dove brucia le tappe ed esodrisce a 17 anni. Nel 2012 vince i mondiali under 19.

Nel febbraio 2015, durante il suo esordio in Champions contro il Bayer Leverkusen, quella che doveva essere una serata di festa si trasforma in un vero e proprio incubo. Un colpo inferto da Papadopoulos gli impedisce di uscire con le sue gambe. Da due anni ha con un catetere interno. Ma non ha mai mollato. Arriva addirittura a richiedere al proprio medico curante di rimuovergli un rene pur di continuare a giocare.

Per Simoeone Saul può essere uno dei migliori centrocampisti al mondo, ha tutto quello che serve: etica, visione, ritmo e tocco.

[zombify_post]

By | 2018-07-09T15:18:53+00:00 dicembre 5th, 2017|Articoli speciali redazione|0 Comments

About the Author:

Rendiamo il calcio ancora più bello. Seguici anche su Instagram: https://www.instagram.com/goolbook_official/

Leave A Comment